Quante volte bisogna ripetere un mantra

Quante volte bisogna ripetere un mantra

Guarda il video: quante volte bisogno ripetere un mantra

o continua a leggerne la trascrizione sotto

C’è un numero preciso di ripetizioni per un mantra, normalmente indicato, e questo è il cento e otto.

Tuttavia non è legge.

Nel senso che se io decido di meditare per dieci minuti, e utilizzo un mantra, non è che lo devo contare cento e otto volte; semplicemente, quando mi accorgo di aver terminato il tempo, smetto di recitarlo, e quante volte ho usato il mantra non le ho nemmeno contate.

Io non sono un fanatico delle cento e otto volte, il più delle volte uso il tempo e non il conteggio dei mantra; quindi, se non c’è un motivo ben preciso per contarli, io sconsiglio di farlo.

Tuttavia, tradizionalmente, si usa contarli cento e otto volte.

È un numero sacro, sia nell’induismo che nel buddhismo, e per tenerne conto si usano delle specie di rosari chiamati Mala.

Esistono dei Mala brevi e dei Mala con cento e otto perline.

Nel Mala da cento e otto, ce n’è una più grossa da cui partire e da lì inizi a contare le perline: Om; Om; Om; ecc.; ovviamente nel caso di Om è facile, ma ci sono mantra anche molto più lunghi e complessi, e ci vuole più tempo.

Nel Mala corto, ci sono ventidue perline, di cui una un po’ speciale, e quindi ripetendolo più volte – magari la prima volta non conto la prima e neanche l’ultima – e dopo cinque ripetizioni sono arrivato a cento e otto.

Poi se ne fai delle ripetizioni in più, nulla osta.

Ci sono infatti delle tradizioni, come per esempio nel mantra di Tara Verde (Om Tare Tuttare Ture Soha) che a me piace tantissimo, o quello di Tara Bianca, in cui si dice che affinché abbiamo effetto, nel caso di Tara Bianca per aiutare qualcuno a guarire, gli si dedica un intero Mala, e quindi un intero ciclo di cento e otto.

Noto che questa cosa dei cento e otto viene ripetuta un po’ per tutti i mantra, e che anche dei mantra non tradizionalmente buddhisti o induisti come Ho’oponopono, quindi appartenenti a una tradizione completamente diversa, vengono ugualmente ripetuti per cento e otto volte.

Tornando alla domanda principale “quante volte bisogna ripetere un mantra”, io tornerei a sintetizzare dicendo di non preoccuparsi troppo, anche perché contarli, se non hai un rosario o un mala, rischi di perderti strada facendo; e quindi ti consiglio di dare retta al tuo cuore, al tempo che hai a disposizione o alla voglia che hai di farlo.

Io, per esempio, leggevo il commento di una mia allieva a cui sono affezionato, che mi aveva chiesto un mantra per ottenere una cosa specifica e, sebbene io non assegni spesso i mantra in quanto prediligo una meditazione silenziosa come la Vipassana, gliene ho consigliato uno che mi sembrava ci stesse bene.

Mi ha scritto che il mantra che le avevo dato ha funzionato, cosa che mi ha fatto molto piacere, ma il fatto che abbia funzionato non dipende dal fatto che io le avevo dato una quantità, anzi non le aveva contate per niente.

Le avevo semplicemente detto che, se aveva voglia e se lo sentiva, poteva provare a recitare quel mantra.

Anche con me, per lo stesso motivo per cui lo avevo prescritto alla mia allieva, aveva funzionato e, anche nel mio caso, non avevo contato le ripetizioni; ogni volta che avevo voglia di mettermi a meditare e recitare quel mantra, lo facevo e basta.

Poteva anche accadere che recitassi il mantra camminando, guidando la macchina o lavando i piatti; quindi lo fai quanto più è possibile, fintanto che senti una connessione con il mantra e con il significato che porta con sé.

108-ripetizioni-mantra

clicca qui per scoprire altro su questo argomento
Scopri altri approfindimenti successivi qui
Giovanni

Recito quasi tutti i giorni da quasi due anni , ci sono periodi che ho la mente molto confusa da altri pensieri a volte faccio fatica ma recito lo stesso.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *