La meditazione trascendentale è la più antica?

La meditazione trascendentale è la più antica?

La meditazione trascendentale è la più antica?
È vero che tutte le altre meditazioni derivano da questa?

Rispondo a una domanda, postami da Eleonora, che recita così: “In seguito alla mia partecipazione a una conferenza introduttiva, mi è stato detto che la meditazione trascendentale è la più antica e che da essa sono derivate tutte le altre: può confermarmelo?”

guarda il video – o prosegui a leggerne la trascrizione sotto:

Se quello che mi dici è stato realmente enunciato così non posso confermartelo: nel modo in cui l’hai formulata tu, l’affermazione è molto impropria; c’è comunque del vero, cerchiamo di capirci meglio.

Sono tre livelli.

meditazione trascendentale antica1) la meditazione è antica come l’uomo

Anzitutto,  probabilmente la meditazione è antica come l’uomo: se ci pensi l’uomo, da che esiste, si sarà verosimilmente posto delle domande, si sarà guardato dentro e avrà notato che nel qui e ora si trova la pace; e quindi ecco perchè dico che, con tutta probabilità, la meditazione è antico quanto l’uomo.

È pur vero però che (e questo è un secondo livello) rispetto alle tradizioni culturali più diffuse, ce n’è qualcuna più antica di altre:

2) Tra le meditazioni più diffuse quelle di origine indiane sono più antiche di quelle buddiste

tra i ceppi culturali, di origine orientale, più diffusi c’è un ceppo, una grande famiglia, di matrice induista e poi un’altro  di origine buddhista che dall’India si è poi diffuso in Cina; in cui esistevano altre forme di meditazione pre buddhiste autonome, come il Taoismo, e il tutto si è poi amalgamato assieme come accade spesso nella storia.

Comunque è vero che la meditazione induista, quella che fa riferimento agli antiche testi vedici dell’India, è la più antica.

Lo stesso Buddha, dai cui insegnamenti è nata la meditazione Vipassana (veicolata dallo stesso Buddha); la meditazione Zen; la meditazione tibetana: tutte queste forme di meditazione buddhista derivano a loro volta da quella induista. Perchè?

Perchè lo stesso Buddha era un grande conoscitore dei Veda, ed era un praticante delle tecniche che si utilizzavano all’epoca; ha padroneggiato varie tecniche, alcune anche molto estreme, e ha cambiato vari maestri, perchè cercava qualcosa che gli permettesse di raggiungere l’illuminazione: quando poi l’ha raggiunta, ha preferito veicolare soprattutto una forma di meditazione che è la meditazione Vipassana; da lì sono poi nate altre forme di meditazione molto interessanti.

Fatto sta che la meditazione induista, come riferimento e culturale, è più antica di quella buddhista e anche di altre tradizioni, e probabilmente ha avuto una maggiore influenza rispetto ad altre pratiche.

3) La meditazione Trascendentale è moderna risale agli anni ’60

La meditazione trascendentale si appoggia culturalmente proprio a questa antica tradizione quindi, se parliamo in maniera generica della tradizione induista, è vero che è la più antica ma, se parliamo nello specifico proprio di meditazione trascendentale, stiamo parlando di qualcosa di molto più moderno: stiamo parlando di un marchio registrato (registrato ai tempi dei Beatles) e che ha pochi decenni di vita.

Non è possibile che Buddha si sia riferito a una tradizione con pochi decenni di vita, e non è nemmeno possibile registrare un marchio di una tradizione millenaria come quella induista o quella buddhista; non si può registrare una trademark e brevettare questo tipo di meditazioni: brevettare è possibile se prendi queste tecniche, fai un piccolo protocollo personalizzato, e puoi brevettare e registrare quello che ottieni; lo può fare chiunque.

Quindi La Meditazione Trascendentale è la più antica?

Se parliamo della Meditazione Trascendentale pura, con tanto di trademark, è modernissima e risale agli anni ’50-’60. Se parliamo dell’antica tecnica induista non c’è trademark, è la più antica e da essa molte altre meditazioni ma, se non c’è il trademark, è “libera”:

ovviamente devi andare da un maestro per imparare, che ti insegnerà in base a quello che ha imparato lui; oggi capita che taluni si improvvisino maestri ma, tendenzialmente, un maestro non è improvvisato.

Invece nella meditazione trascendentale, essendo un marchio registrato, bisogna stare entro dei protocolli ben precisi, ma stiamo parlando di qualcosa che ha pochi decenni di vita: a te poi le conclusioni.

Mi piace pensare che, chi ha fatto la presentazione di cui mi parli, si stesse riferendo al ceppo culturale di riferimento e non alla meditazione trascendentale stessa, il che può portare un pò di confusione; poi, ovviamente, ognuno porta un pò l’acqua al suo mulino e questo può ingenerare qualche ambiguità.

Questo è quello che mi piace pensare in quanto, tendenzialmente, ritengo che tutti coloro i quali fanno un lavoro come quello di promuovere la meditazione a beneficio degli altri, lo facciano proprio a beneficio delle altre persone: perciò se parli di una tecnica con dei punti di riferimento millenari, lo fa proprio per invogliare a farla, perchè ci sono dei benefici.

Non mi piace pensare che qualcuno, invece, dica delle cose poco vere.

Insomma, dipende tutto da come è stata formulata esattamente l’affermazione che mi riferisci: se il riferimento è ai fondamenti della meditazione trascendentale, ovvero la meditazione induista, è corretto dire che quest’ultima tradizione millenaria è la più antica ed è quella da cui ne discendono moltissime altre;

se invece, come mi hai detto tu, il riferimento è strettamente legato alla meditazione trascendentale, tira un pò le somme: alcune tradizioni hanno millenni di vita, sono di pub blico dominio e non sono dei marchi registrati, mentre questa è nata ai tempi dei Beatles ed è un marchio registrato, non è possibile sia venuta prima di altre tecniche con svariati secoli alle spalle.

Io non ero presente alla presentazione e quindi non posso saper come si sono svolte nel dettaglio le cose, ma spero ugualmente di averti aiutato a fare un pò di chiarezza.

per saperne di più sulla Meditazione Trascendentale clicca qui

clicca qui per scoprire altro su questo argomento
Scopri altri approfindimenti successivi qui

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *