La Meditazione è Pericolosa?

[Voti: 2    Media Voto: 5/5]

La Meditazione è Pericolosa?

Scopri:

  • Cosa vuol dire veramente meditare
  • Quando l’ansia alimenta l’ansia
  • La via della pace e la via della consapevolezza
  • i pericoli delle cattive interpretazioni della meditazione
  • Le tecniche tranquille e le tecniche più strane
  • Le “meditazioni” da evitare
  • La meditazione kundalini è pericolosa (solo in lettura)?
  • e molto altro ancora

La domanda prosegue con: “la medicazione è pericolosa?”

Guarda il video o continua a leggere sotto:

La Meditazione è pericolosa?

No la meditazione veramente non è affatto pericolosa, non ha controindicazioni di nessun tipo e poi è chiaro che se sei una persona, con dei disturbi potresti avere delle difficoltà, ecco.

Non che ti faccia male, tutt’altro, ma sarebbe bene però non avere troppe aspettative: quelle potrebbero portarti fuori strada.

Da una parte le aspettative, le preoccupazioni continuano a esserci anche durante la meditazione – tra l’altro la meditazione in caso di ansia aiuta tantissimo- però se io penso di risolverla come se la meditazione fosse come prendere una pastiglietta è che me la manda via, allora non funziona.

Perché se voglio cacciare via la crisi di ansia e sono focalizzato sul “cacciarla” la alimenterò ancora e soprattutto non sto meditando!

Di fatto, così facendo, non ho capito l’essenza della meditazione che invece è quello di stare con quello che c’è, di esser protagonista di quello che mi accade.

Chi si domanda se la “meditazione è pericolosa” potrebbe proprio essere qualcuno soggetto ad ansie ed aspettative.

La meditazione è efficacissima per chi ne soffre, ma necessita di essere fatta per quella per cui è fatta: stare con ciò che c’è e non cacciare via nulla.

Questo processo di accoglienza produce calma e consapevolezza, allontanando ansie, preoccupazioni e rimpianti.

È forse pericoloso essere consapevoli di quello che ci accade nel qui ed ora? Certamente no, anzi la consapevolezza può risolvere molti problemi nascosti dall’inconsapevolezza.

 

La meditazione come luce

pericoli della meditazioneSe osservo e mi accorgono che c’era ansia, piuttosto che cacciarla di sbrigarmi a cacciarla, il lavoro che vado a fare con la mediazione, è proprio l’opposto:

è andargli incontro e capire come funziona, ed è questo che mi dà pace.

Possiamo guardare con la luce della nostra consapevolezza quello che ci accade e quando siamo protagonisti di quello che ci accade -e non vogliamo eliminare quello che c’è- ecco che quello che c’è è poca roba…

cioè è come andare ad aprire gli scheletri nell’armadio e vedere che non c’è niente! C’è solo luce!

Perché? Che cosa abbiamo fatto? Abbiamo aperto l’armadio e con la luce nella nostra consapevolezza, ci abbiamo messo alla luce dentro, e dentro non c’era niente;

oppure c’era una cosina che pensavamo chissà cosa fosse, chissà quale scheletro enorme, quale mostruosità e poi invece..

..invece scopriamo una cosa assolutamente visibile, con cui ci potevamo veramente stare.

Ecco come funziona la pace nella meditazione ed ecco perché non è pericolosa!

Certo se io ho paura: ho paura a fare tutto, ho paura stare nel silenzio, ho paura a guardarmi, ho paura a stare con quello che c’è, e non ci voglio stare, non sono ancora pronto per meditare.

Evidentemente come piace dire, in modo magari un po’ provocatorio: “non soffro abbastanza”..

Perché solo quando soffri abbastanza ti metti lì e fai veramente un lavoro su te stesso, altrimenti lo rimandi cercando sempre pilloline o dei pagliativi;

Cerchi sempre suoni, rumori, per distrarti per non stare nel silenzio, cerchi sempre stimoli per non fermare la mente, per non usare la mente in modo costruttivo, in modo da riportarti nel qui e ora.

Oggi il mondo è pieno di distrazioni, purtroppo cellulari, televisioni sono stracolmi di distrazioni di ogni genere.

E purtroppo le distrazioni non ci fanno vivere pienamente la vita, ma non ci rendono neanche liberi di essere noi stessi.

Ai tempi dei romani si usava il circo per distrarre la popolazione, oggi ci sono i cellulari e la tv, certo sono anche utili il problema è quando non ci permettono veramente di essere liberi e siamo schiavi dei pensieri.

Pensieri che in gran parte non siamo neanche noi ad avere realmente.. però vabbè questo è un altro capitolo..

 

In sintesi: “La meditazione è pericolosa?”

No la meditazione non è pericolosa, “è pericolosa” (tra mille virgolette) se tu ne fai un uso stano, cioè se tu pensi di stare a meditare ma in realtà non sai quello che stai facendo e fai tutta altra roba.

È anche vero che nel web vedo di tutto.. strane cose chiamate “meditazioni”

 

Le “meditazioni” da evitare

Quando parlo di meditazione, parlo delle vere meditazioni, quelle meditazione che ci riportano nel “qui e ora”, quelle meditazioni che ci fanno sviluppare la consapevolezza, come la meditazione vipassana per esempio.

Ci sono tantissime meditazioni e approcci meditativi validi nel web, certo se fai delle “fantasie strane” che ti vogliono portare a fare strane esperienze..

..ma queste già non sono meditazioni consapevolezza, sono delle auto ipnosi in cui ti fai portare dove vuole colui che ti stai ipnotizzando..

Puoi anche farlo, a patto di 1) di fidarti di chi sti sta proponendo quella tecnica (devi conoscerlo bene) e 2) sapere a cosa serve quella strana “meditazione”.

 

La meditazione kundalini pericolosa?

C’è chi chiede se la meditazione kundalini è pericolosa, in effetti potrebbe diventarlo se non sai bene che tipo di energia stai liberando, ma falla tranquillamente se spacciano come kundalini una semplice tecnica sessuale.

E ovviamente falla se sei già assai esperto e conosci bene cosa stai andando a fare.

Insomma eviterei anche meditazioni guidate tipo forme di “autoipnosi” se non hai fiducia in chi te le sta proponendo o se senti che c’è qualcosa che non ti convince.

Con meditazioni sul respiro, yoga, vipassana, mindfulness, eccetera. Vai più che tranquillo

E se hai dubbi, sui primi passi da fare comincia serenamente con la meditazione guidata gratuita del calmo dimorare

Comunque voglio tranquillizzarti, anche le altre meditazioni, visto che richiedono la tua attenzione, non saranno comunque pericolose con la “P” maiuscola, anche se dovessi cadere in cattive mani, potresti trovare persino del giovamento, quindi vai tranquillo: il mio è solo scrupolo…

 

Un altro pezzo “rubato” al “come meditare coaching” clicca per saperne di più su come funziona: “come meditare coaching

se vuoi tornare a delle semplici istruzioni per fare la meditazione clicca su: come meditare

Se vuoi saperne di più clicca su meditazione per indaffarati 7 minuti al giorno per una vita serena e consapevole

Silvia

Ciao! vorrei sapere se c’è il capitolo inerente alla parte del “Pensieri che in gran parte non siamo neanche noi ad avere realmente”, vorrei approfondire l’argomento.

ciao grazie
Silvia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *