Qual’è lo scopo della meditazione?

 Qual’è lo scopo della meditazione?

Guarda il video – Qual’è lo scopo della meditazione

o continua a leggerne la trascrizione sotto

Immagino che tu possa già sapere alcune cose: la meditazione calma, sviluppa la consapevolezza, ti fa ritrovare il qui e ora, ti fa trovare la pace, ti fa vivere più tranquillo e meglio.

Queste sono tutte delle cose che, effettivamente, produce.

Ma se ci pensi, da un punto di vista del linguaggio, questo risponde alla domanda: “Qual’è lo scopo, mentre mediti, per te“: cioè trovare la pace; sviluppare una maggiore presenza; il qui e ora; contenere lo stress e tutte le conseguenze che produce in noi come, per esempio, i problemi cardiovascolari ecc.

Insomma, tutto lo spettro dei benefici che riscontra chiunque pratichi la meditazione; tuttavia questo non risponde a quale sia lo scopo della meditazione in quanto tale.

Lo scopo dipende dal tipo di tecnica meditativa; ma è prevalentemente uno, specie se parliamo di una tecnica meditativa completa come la Vipassana, e consta di uno scopo finale e di uno intermedio.

Lo scopo finale è la consapevolezza, non farti trovare la pace: è la consapevolezza, poi, che ti aiuta a trovare la tranquillità, a far pace con quello che c’è, a essere presente con quello che c’è ecc.

Quindi, quando parliamo di Vipassana, il suo scopo è la consapevolezza: a questo serve.

Tuttavia, quasi tutte le tecniche meditative (inclusa la Vipassana nella sua fase iniziale) hanno uno scopo leggermente diverso: quello di sfrondare tutto il chiacchiericcio mentale (chi mi segue lo sa, io lo definisco tecnicamente, e non volermene, “pippe mentali”); e, una volta che smettiamo di dar retta a quel chiacchiericcio infinito che ci dice mille cose, noi semplicemente riportiamo la nostra attenzione al respiro o, a seconda della tecnica, al corpo, a un mantra o a un altro tipo di ancoraggio a seconda della tecnica usata (tutte tecniche che, in riferimento alla lingua pali parlata dal Buddha, sono note come Samatha e hanno come scopo ritrovare il momento presente).

Ricapitoliamo.

È vero che la meditazione ci fa calmare ed è vero che sviluppa la consapevolezza, tuttavia lo scopo della meditazione (specie se parliamo di Vipassana) è stare con quello che c’è; da un punto di vista più marginale e localizzato nella parte iniziale, se parliamo per esempio della semplice osservazione del respiro, lo scopo è ritrovare l’adesso: che è, sì, stare con quello che c’è, ma implica lo stare ancorati al respiro (ovvero un qualcosa che sta nel qui e ora).

Perchè faccio questa distinzione tra lo scopo della meditazione in quanto tale e lo scopo tuo quando mediti?

Perchè se io non sono calmo e mi metto a meditare con l’unico obbiettivo di calmarmi, e uso la tecnica solo per quello scopo, in realtà non sto più usando veramente la tecnica: sto cambiando lo stato delle cose, cioè quello che c’è, con quello che io vorrei ci fosse; sto quindi in un mondo ideale, appartenente alla fantasia, che non corrisponde a quello che c’è.

Solo quando io “faccio pace” con quello che c’è, trovo la pace.

Quindi è necessario che io sfrondi tutti gli ideali, tutti i ragionamenti, tutte le aspettative; e ritrovi l’adesso, grazie, per esempio, al respiro.

Ed ecco quindi che il mio scopo personale, ritrovare la pace, è molto diverso dal vero scopo della meditazione che è ritrovare il momento presente ancorandomi a qualcosa (respiro, sensazioni corporee, mantra ecc.).

Per quanto riguarda l’ancorarci a tutto quello che ci capita e a tutto ciò che percepiamo, ovvero la parte più avanzata della meditazione Vipassana, ecco che quello che si sviluppa in noi è il poter accogliere le cose così come sono.

Senza alterarle e vedendole per come si presentano, per come stiamo noi in rapporto a quello che stiamo sperimentando momento per momento.

meditazione e visualizzazioneEd ecco che quindi quello che si produce in noi è una forma di grandissima pace e di grandissima accoglienza; una forma di profonda comprensione dei fenomeni, proprio perchè non li vogliamo alterare distorcendoli con gli ideali o con quello che vorremmo ci fosse: semplicemente guardiamo spietatamente la realtà per quello che è.

Otteniamo un qualcosa di estremamente potente se permettiamo a ciascuna tecnica di manifestare il suo scopo finale, senza andarlo a intaccare con le nostre aspettative e i nostri scopi individuali.

Ripeto quindi quello che ho detto prima: solo quando faccio pace con quello che c’è, trovo la pace.

Va benissimo se tu vuoi meditare per ritrovare la pace ma, quando ti metti a fare la tecnica, non sforzarti di ritrovare la pace; sforzati piuttosto di ricordarti di essere presente, di osservare il respiro, di osservare quei meccanismi, se ci sono, che producono aspettative e di smascherarle notandone la presenza.

Non metterti a dire “Io voglio la calma e la calma non arriva: la meditazione non funziona”; se hai questo atteggiamento non stai meditando: stai pensando; stai cercando attivamente di trasformare un momento del presente, fatto nello specifico di agitazione, in un momento diverso in modo artificiale.

Solo quando attraversi la realtà per quello che è stai realmente meditando.

Solo attraversandola troverai veramente una pace reale, che è onnipervasiva e anche più duratura: ecco qual’è lo scopo della meditazione.

Ricapitolando ecco qual’è lo scopo della meditazione: nel caso delle meditazioni principali, quello di sfrondare dai pensieri ricorrenti, dai meccanismi mentali, dai giochi karmici, recuperando semplicemente il qui e ora attraverso, per esempio, l’ancoraggio al respiro; nel caso della Vipassana, oltre a questo (che è comunque previsto), di stare con tutto quello che c’è al di là dell’ancoraggio stesso (e quindi del respiro), accogliendo tutto ciò che nel qui e ora stiamo sperimentando; e questo sviluppa una grande consapevolezza e una pace profonda, un grande senso di accoglienza equanime, quindi paritaria, nei confronti di tutti i fenomeni, anche di quelli spiacevoli.

Riusciamo quindi ad accogliere sia le cose piacevoli che quelle spiacevoli, con un cuore assolutamente gioioso e amorevole.

E questo, se ci pensi, è un livello di pace molto profondo; ed ecco perchè, non a caso, il significato della parola Vipassana è: “meditazione di visione profonda”.

Spero di averti introdotto meglio a una piccola differenza che può fare davvero la differenza nel nostro approccio alla meditazione.

 

 

 

 

 

 

clicca qui per scoprire altro su questo argomento
Scopri altri approfindimenti successivi qui

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *