hai dubbi o domande dopo avere letto uno dei nostri

Libri di Meditazione?

Lascia la tua domanda o condivisione aggiungendola ai commenti qui sotto

Giovanni

Buongiorno,
ho letto il libro della meditazione vipassana, ho iniziato a fare le due meditazioni guidate, ascoltando in cuffia, da circa una settimana. Mi chiedo se devo continuare così o se la cosa si deve evolvere in altro modo.
Grazie
cordiali saluti

Claudio

ciao Giovanni, dipende da te. La migliore evoluzione sarebbe farle in silenzio senza la mia audioguida, per contattare meglio, senza troppe distrazioni, quello che emerge in te nel “qui ed ora”.
Tuttavia puoi tornare a farle tutte le volte che vorrai.
Ad esempio potresti fare ancora per un po’ quella da 20 minuti e, quando senti di “averla fatta tua”, fare sessioni da una ventina di minuti in silenzio (la durata è solo indicativa).
Una evoluzione potente sarà fare un ritiro.
Io ho anche un corso avanzato, ma al momento ti invito a praticare un po’ per conto tuo e magari informarti di farlo dal vivo da qualche maestro anche di una gionrata intera o un paio di giorni per cominciare.
Io al momento non sto proponendo corsi dal vivo ma il mio maestro Mario Thanavaro ne fa un po’ in tutta Italia puoi dare una occhiata al suo sito: https://www.mariothanavaro.it/meditare-in-italia/

Non ti voglio parlare al momento del corso avanzato perchè sono convinto che la pratica costante, apparentemente semplice o “banale”, abbia in serbo per te tanti begli inside, tante piccole ma preziose scoperte che richiedono tempo e dedizzione. Non hai quindi bisogno del corso avanzato ma di pratica.

Denise Pasqualotto

Ciao Claudio, ho letto sia il libro sul buddismo sia quello sulla vipassana, sto meditando ogni mattina 20 min, al momento ancora con il tuo audio, per me è un’abitudine consolidata poiché medito da anni ma non facevo vipassana ecco, mi piacerebbe trovare un gruppo con cui condividere qualche volta la meditazione, con cui condividere pensieri, domande, a Roma ci sono gruppi? Io in realtà sono ai castelli romani,? Grazie 🙏🏼

Davide

Ciao, ho un dubbio sul significato di vivere in modo piú consapevole o comunque nell’ essere presenti dí piú nel presente. Ho finito la lettura del libro e magari dovrei rileggerlo per capire questa cosa, peró magari riesci a darmi delucidazioni migliori. Per il resto é un ottima guida per iniziare a meditare.

Patrizia

Il libro mi è piaciuto molto: chiaro e semplice, aiuta nella meditazione, da rileggere spesso per riflettere.
Mi spiace ma non ho account di Amazon e non intendo crearlo

Luca

Ciao Claudio, perdonami, ma sono veramente negato con la tecnologia, quindi spero, che tu riceva il mio grazie di cuore, per questo volume, per me molto importante e illuminante. Grazie

Alessandro

Ciao Claudio, ho letto tutti e due i libri, mi solo lasciato ispirare dal tuo approccio concreto e semplice, altre volte ci avevo provato ma fallendo per mancanza di costanza e per i molti dubbi che mi sorgevano, altre volte per gli approcci troppo teorici. Il tuo modo di comunicare la pratica mi ha ispirato e mi ha permesso di iniziare in modo semplice, ho iniziato a praticare in ogni momento disponibile senza preoccuparmi se facevo bene o male. Se mi ritrovare a dare giudizi o a mettere in dubbio come praticavo, mi dicevo solo di stare con quello che avevo e proseguivo oltre.
Inizialmente spesso a letto da sdraiato. Stò iniziando a conoscermi, per ora il vantaggio migliore che posso riferire è la maggiore calma e dolcezza che rivolgo a me stesso quando vivo qualche conflitto.
Spesso sono reattivo, a volte al punto che mi metto nei casini da solo, prima pensavo fosse efficienza era invece ansia e preoccupazione per quello che ancora non c’era. Una meditazione in particolare è stata illuminante; ero seduto, in spiaggia, i suoni e gli schiamazzi improvvisi mi distoglievano dal raccoglimento, mi sentivo indispettito ma ho proseguito senza pensare al risultato, in vipassana poi ho osservato meglio il mio risentimento senza giudicarmi e per la prima volta ho avuto una consapevolezza improvvisa “io speso reagisco d’impulso”, nei giorni successivi ogni volta che mi trovavo a reagire d’impulso, un lavoro da eseguire, una risposta da dare, ecc. era come se riuscissi ad accorgermene un secondo prima di passare all’azione e a fermarmi qualche secondo su quello che in quel momento c’era veramente; le decisioni e le risposte sono diventate più adeguate. Oggi stò imparando il valore della pazienza.
Ricerco questa attitudine.
Ho trovato molto utili le meditazioni e i discorsi di Ajahn Chandapalo su santacittarama.org
Vorrei approfondire le pratiche di Metta e Karuna. Ho già scaricato e stò praticando con i tuoi mp3, hai dei suggerimenti per delle letture?
Che io possa dedicare tempo a coltivare le mie attitudini.❤️
Che io possa dimorare calmo in mezzo al frastuono❤️
Consapevolezza, fiducia, pazienza e gentilezza ❤️

Claudio

ciao Alessadro inanzitutto le mie congratulazioni per il lavoro che stai facendo! Spero che mi lascerai due recensioni su amazon così belle come il commento che mi hai lasciato.
Per quanto riguarda le letture ce ne sarebbero infinite, ma non vorrei spingerti verso una compulsività da letture del genere e forse proprio a tal proposito forse mi sentirei di consigliarti il mio corso (ne esiste anche la versione libro) sull’ansia, lo stress e la compulsività.
Che tu sia felice
Claudio

Giovanni

Ciao Claudio, ho iniziato a leggere il tuo libro e sto cercando tramite la meditazione e l’aiuto di uno psicoterapeuta a risolvere dei problemi di ansia che mi hanno colpito da circa quattro mesi, purtroppo ancora non sono riuscito ad ottenere dei risultati stabili perché alterno giorni in cui mi sento bene a giorni in cui invece mi sento letteralmente a terra con il morale. Hai qualche consiglio da darmi??

Claudio

Ciao Giovanni mi sento spiazzato e confuso: ho scritto un libro con tutti i consigli per chi soffre di ansia, lo hai iniziato, non lo hai ancora finito e vorresti da me consigli; cosa pensi che possa dirti se non ribadire quello che ho scritto già nel libro? Non hai forse ansia di risolvere “prima” chiedendomi un chissà quale intervento miracoloso? Attento a questa ansia di eliminare l’ansia: notala! Questo è il mio consiglio per te.

SANDRA TOLOMELLI

Ciao Claudio
vorrei condividere con te e con chi lo ritenesse utile la mia esperienza
Ho avuto una vita costellata di problemi ( molti li chiamerebbero sfighe) cominciando all’età di 27 anni con un intervento ad un polmone che ad oggi mi causa ancora problemi che dal 2001 curavo con morfina e tramandolo per la gestione del dolore. Successivamente dal 2008 ho dovuto affrontare malattie psichiatriche di entrambi i miei genitori: prima mio babbo con una patologia di disturbi della personalità con sindrome dissociativa (deceduto nel 2011 per cancrena visto che non sono riuscita a farlo curare) e poi mia mamma che si aggravata tanto da avere una ‘depressione da rovina’ talmente avanzata che dopo aver tentato il suicidio 4 volte oggi vive in una struttura protetta dal 2013.
Nonostante tutto nel 2004 mi sono sposata nel 2006 ho avuto il primo figlio nel 2010 mi sono laureata ( percorso iniziatito 8 anni prima e ‘sospeso’) nel 2011 è nata la seconda bimba …….insomma una vita normale
Nel 2015 purtroppo però sono peggiorata enormemente in termini di salute dovuta ad un grosso ‘trauma lavorativo’ ( truffa da parte del mio titolare) aggravandosi ulteriormente la sindrome dolorosa al torace tanto da far fatica quasi a tenere i vestiti addosso…….e dopo varie analisi cliniche il mio neurologo di fiducia ( forse preso dalla disperazione) mi ha consigliato un percorso nuovo: sosteneva che il mio peggioramento osservato anche nel tempo passato potesse essere in qualche modo collegato ad uno stato ‘mentale’ dove accumulando tensione ed ansia il fisico rispondeva con contrazioni e rigidità muscolare.
Mi consigliò così una GINNASTICA BIO-ENERGETICA che approfondita nei vari aspetti sia spirituali che di meditazione e anche di attivazione energetica mi ha fatto avvicinare alla filosofia buddista notando ( e questo ogni giorno) che sia per come affrontavo le problematiche quotidiane nel passato sia i costanti ed enormi miglioramenti di salute che ho ancora oggi ( non faccio più uso di farmaci da ormai 8 mesi) in realtà è una filosofia ed un modo di vivere le cose che ho sempre avuto.
Ecco che allora mi sono incuriosita sempre più e ho studiato e studio ancora il Buddismo conoscendo quindi questi testi che ha scritto e dove suggerisci davvero diversi spunti di riflessione ed insegnamenti pratici per la meditazione.
Tutto ciò solo per confermare che spesso ciò che abbiamo vissuto e ciò che viviamo nel quotidiano non è altro che un semplice sistema di affrontare il PRESENTE e che se è vero che tutte le cose belle finiscono anche i momenti di dolore hanno un termine e quindi dobbiamo vivere il tutto con serenità perchè ad ogni evento negativo segue sempre un evento positivo…….se tutto questo viene vissuto senza ansia e con una profonda meditazione sulle cose ci accadono per poi superarle ed archiviarle allora anche il fisico ne ha un enorme beneficio: i muscoli si rilassano e non si infiammano più e le contratture che causano dolori non si riformano e ti lasciano libera dal dolore .
Questa storia è un po’ lunga me ne rendo conto ma credo che possa a far capire a chi si avvicina a questa filosofia e magari da subito non vede benefici che questi arrivano e sono concreti ………credetemi io vivo molto meglio ed ogni giorno conquisto un ‘benessere’ in più………ci sono voluti quasi 50 anni ma oggi sono felice di averla e aver conosciuto Claudio che mi offerto ancora più elementi per continuare a studiare e a meditare.
Tanta felicità a tutti
Sandra

Claudio

bellissima condivisione Sandra se riesco proverò a dedicare un post alla tua esperienza e chapeau per il tuo percorso o namastè come dicono in oriente.
grazie per averla voluta condividere

fabio

Salve Claudio, ho appena finito di leggere il primo libro e sto seguendo le indicazioni, lo trovo (come hai sottolineato più volte) molto pratico, ma onestamente mi trovo in un periodo particolarmente difficile della mia vita e non ho ancora avuto i benefici sperati, sento costantemente la senzazione di “groppo in gola”, comunque continuerò sia a leggere sia a meditare. Ti aggiornerò, per il momento grazie

Claudio

ciao Fabio, meditare ti farà sicuramente bene e se non ti focalizzi troppo sul “cacciare via” il “groppo in gola” sono sicuro che un bel giorno scoprirai che è scomparso.
Mi fa piacere sapere che continui a meditare: vedrai ti porterà molto bene al di là delle aspettative

Mirko

Ciao Claudio quando vado per meditare sento un blocco nella pancia premetto che soffro di ansia e depressione curata con farmaci mi puoi dare qualkee consiglio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© ComeMeditare.it · All Rights Reserved

Meditazione Guidata per Principianti

Disponibile anche in Formato Kindle

Meditazione per Ansia, Stress e DOC

Disponibile anche in Formato Kindle

Semplicemente Buddismo

Disponibile anche in Formato Kindle

© ComeMeditare.it · All Rights Reserved

Lascia il tuo nome ed email e comincia a meditare da subito...