Come riconosco se la meditazione è venuta bene?

Come riconosco se la meditazione è stata buona? Se provo pace interiore?

Scopri:

  • Se provare pace interiore significa meditare bene
  • Quando posso dire di meditare bene. (sempre)
  • Come meditare bene? (meditando 😉 )
  • le azioni del meditatore: Accogliere e indagare
  • meditare come un albero da frutto
  • Il tuo parere vale quanto il mio, se chi ci ascolta sa accogliere e discernere.
  • Questo è il mio parere, il tuo? Lascia un commento qui sotto

 

se vuoi tornare a delle semplici istruzioni per fare la meditazione clicca su: come meditare

clicca qui per scoprire altro su questo argomento
Scopri altri approfindimenti successivi qui
Sofia

salve io ho un problema non riesco ad essere concentrata ed avere memoria nelle cose che faccio mi accade anche al lavoro che sbaglio perche nn mi concentro ce una meditazione che stimoli memoria e concentrazione

Mauro

Ciao Claudio, complimenti davvero, il tuo modo di esprimerti mi ha colpito molto, seguendo la tua meditazione mi sto davvero sentendo molto piu’ottimista con me stesso e con la realta’…affronto tutto con piu’serenita’e continuero’sempre a meditare seguendo tutti i tuoi suggerimenti, grazie ancora e apresto…

Bruno Jord

Ciao claudio, complimenti per il tuo ottimo lavoro. ti esprimi in modo semplice e diretto ed è una cosa che a me piace molto.
grazie a te sto iniziando questo percorso (ciò provato ieri ed oggi), è difficile.

Ciao Bruno Jord, sono felice che stai iniziando, effettivamente ci vuole un poco di sforzo (ma lieve) non eccessivo, si tratta di metterci attenzione, ma è proprio con quella che guadagni “presenza” e diventi protagonista della tua vita. Buona pratica!

la tua domanda mi fa pensare che potevo spiegarmi meglio… vabbè rimedio subito (almeno ci provo, in caso contrario fammi sapere):

Come l’albero fa bene il suo lavoro anche quando è spoglio da frutti e foglie, così il meditatore può meditare anche se cause e circostanze lo spingono ad avere rami spogli.

meditando come un albero vive il suo processo di vita, permette di avere fiducia nella propria pratica a prescindere dal momento, impermanente, in cui ci sono fiori e frutti.

l’albero vive non per dare frutti, ma per vivere.

avevo un melo in giardino che ha vissuto anni prima di dare u suoi primi frutti (era vecchio e dopo qualche anno è morto) mi spiegarono che i meli hanno bisogno di altri meli impollinatori nei paraggi per dare frutti..

Io credo che quell’albero abbia vissoto bene, e gli ero affezionato.

alessandra

mah, io quando medito non mi chiedo poi se ho meditato bene o no.

ogni volta che lo faccio è diverso ed accetto quello che viene; alcune volte sono più agitata e faccio più fatica a mettermi in contatto, altre volte invece riesco a prendere contatto con me stessa facilmente, e va bene così!!

la cosa comunque che trovo importante è il cambiamento che ho notato un pò alla volta nel mio modo di essere, di reagire alle cose negative, mi sento più sicura di me stessa e meno emotiva (che è il mio più grande problema) è questo per me vuol dire che va bene così.

ciao Alessandra

ciao Alessandra, quando dici: “e va bene cos'” mi ricorda una qualità che sviluppano i meditatori, la cosiddetta “equanimità” ovvero la capacità di accogliere i fenomeni così come sono, senza respingerli o trattenerli. Mi piace molto il “e va bene così” la trovo una buona chiave per lo sviluppo della consapvolezza, grazie

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *