meditazione quotidiana

Condividilo con chi lo può apprezzare

Come fare la meditazione quotidiana

  • Come Fare la Meditazione quotidiana
  • l’utilità della pratica da seduti
  • la felicità Adesso
  • Come usare la meditazione nel quotidiano (tecniche di consapevolezza)
  • Esempi pratici di attenzione consapevole

Un esempio in più potrebbe essere quello di usare una immagine (come quella qua accanto): la stampi o la trascrivi e la metti in un posto strategico dentro casa: ogni volta che la vedi ti ricorderà di riportare la consapevolezza nel tuo quotidiano (difatto una forma di meditazione quotidiana).

Se vuoi usare al meglio questo trucco clicca qui: Meditazione Per Indaffarati: Le Frasi Shock

Guarda il breve video o continua a leggere la trascrizione:

Alessandro e dice: “Ciao Claudio. Sono ancora all’inizio e vorrei capire come fare la meditazione quotidiana.”

Oh, ecco, Alessandro tu non sei online, perché ti avrei chiesto che cosa intendi dire con meditazione quotidiana. Allora… io posso immaginare due cose e mi piace rispondere a tutte e due.

Uno: che come meditazione quotidiana tu intendi la pratica tradizionale, quella da seduti, da fare quotidianamente. Come svolgerla?

Ok. La seconda è… la seconda versione è come svolgere gli esercizi di consapevolezza quotidiana (che chi è in “meditazione per indaffarati” e in “come meditare coaching” conosce bene perché le suggerisco spesso, perché secondo me portare la meditazione nel quotidiano è fondamentale).

Ritorniamo sempre al concetto, che è anche molto sentito da me nel podcast “pacificamente”, cioè: è inutile rimandare la felicità.

La felicità Adesso

La felicità è adesso: cogliamola adesso; che, analogamente, significa: non c’è bisogno di essere… di aspettare di essere un guru, di essere un realizzato, per portare la consapevolezza in ogni gesto della tua vita, ma, al contrario, focalizziamoci con consapevolezza su ogni gesto della nostra vita, perché questo ci favorisce poi una diversa presenza… una diversa qualità della vita; e fino, perché no, a essere degli esseri illuminati.

Ma…migliora tantissimo. E quindi è importante sicuramente portare la consapev… la meditazione nel quotidiano.

Quindi, questo sono le due enfasi.

La meditazione tradizionale da fare quotidianamente

Per rispondere prima alla prima parte, cioè come fare la meditazione quotidiana, intendendola con… come pratica tradizionale da seduti quotidianamente: lì… c’è chi medita venti minuti la mattina e venti minuti la sera, c’è chi medita venti minuti solo la mattina, c’è chi medita quando può e nei tempi che gli sono possibili.

Io, dal momento in cui sei dentro “come meditare coaching”, e quindi conosci anche la “meditazione per indaffarati”, io reputo che la pratica tradizionale seduta sia importante come allenamento alla presenza quotidiana.

E quindi se uno non può, io invito comunque a fare sette minuti, perché è un richiamo all’attenzione, è un modo per ricordarci che è possibile riesercitare la mente a riportare l’attenzione a noi stessi, al respiro, ad esempio, alla presenza; e questo ci favorisce poi a una maggiore esplorazione in alcuni strumenti di consapevolezza quotidiana.

Quindi, piuttosto che non farla, se venti minuti non riesci a farli, sette minuti (io ripeto, riassumo) falli tranquillamente.

Sviluppare la consapevolezza nel quotidiano

Poi, nel “come meditare coaching”, visto che sei abbonato, troverai tante occasioni, tanti stimoli: falli… non farli tutti insieme, perché sennò ti confondi, anche per questo sono scansionati nel tempo.

Perché è utile, secondo me, almeno sette giorni concentrarsi e farli, quelli, e poi magari lasciarli andare, mescolarli anche con altri nei giorni successivi, per poi ritrovare un’altra occasione di sette giorni per fare un nuovo esercizio di presenza; un esercizio di presenza che è quello di ricordarci semplicemente che respiriamo.

Quindi, se durante il quotidiano, tu ti fermi un attimo e pensi: “Ma io sto respirando? Dov’è il mio respiro? È un respiro lungo?

È un respiro corto? Come sto?” … ecco, se io ripongo, ogni volta che mi viene in mente, l’attenzione a me stesso, anche se sono più distratto dal quotidiano, ecco che secondo me questo è un’ottima meditazione quotidiana.

E la caldeggio vivamente. E poi, insomma, sei nel posto giusto in “come meditare coaching”, quindi troverai pane per i tuoi denti.

Ok… Alessandro, se dovessi non aver risposto alla tua domanda o aver capito male e interpretato male che cosa intendi per “come fare la meditazione quotidiana” fammi sapere e sarò sollecito nel risponderti.

Un altro pezzo “rubato” al “come meditare coaching”
clicca per saperne di più su come funziona: “come meditare coaching

 

se vuoi tornare a delle semplici istruzioni per fare la meditazione clicca su: come meditare

clicca qui per scoprire altro su questo argomento
Scopri altri approfindimenti successivi qui
Rossella

Grazie, Claudio, per immagine e frase che mi fa nascere spontaneo un sorriso , e grazie anche per il tuo modo gentile di raccontarci la pratica
Rossella

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.