La meditazione rende liberi

Condividilo con chi lo può apprezzare

La meditazione rende liberi

 Come ogni percorso di crescita personale, la meditazione ti rende libero.

 Mano a mano che ti liberi dai condizionamenti impari a dare sempre più ascolto al buonsenso che trovi dentro al tuo cuore.

 I mistici di tutte le religioni parlano di amore, di pace e di fratellanza, mentre i teorici delle stesse identiche religioni parlano di combattere per difendere le proprie ideologie

 I condizionamenti, le leggi ed i dogmi esterni non hanno nessun peso se non sono filtrati dal tuo buonsenso. Ma il tuo buonsenso ad alcuni fa scomodo..

 Hai mai pensato c’è chi non vuole che tu sia libero?

Come fanno e perché?

 Osho ne parla molto bene in questo breve video (2 minuti circa):

 Questo è un tema che ho spesso evitato di toccare perché mi accalora molto: non credo sia un caso che in TV senti parlare solo di violenza e di temi che generano paura e sfiducia in se stessi e nel prossimo.

 È con la paura che i regimi riescono a controllare i singoli meravigliosi esseri umani e li trasformano in “numeri”, in “utenti”, in “elettori”.

 In realtà sono una spicciolata di uomini che tengono le redini di una intera popolazione mondiale.

 Nessuno può comandare un altro essere, ma può fare leva sulle sue stesse paure e attraverso quelle, lo governa.

La triste verità è che siamo “noi” a dare a questi pochi esseri un potere che non potrebbero avere e finiamo per sentirci pure impotenti…

 Ecco non riesco a trattenermi meglio che mi fermo quì… (meglio che torno a parlare di meditazione)

 Tu che ne pensi? fammi sapere: lascia un commento qui sotto:

clicca qui per scoprire altro su questo argomento
Scopri altri approfindimenti successivi qui
Tiziana

Ciao, Claudio,
che cosa intendi per meditazione? la meditazione cristiana oppure quella del buddismo?
Mi sembra molto importante chiarire innanzitutto i significati dei termini o concetti che usiamo, per amore di chiarezza… solo dopo potremo dialogare…
Ogni bene
Tiziana

Davide

La gente è troppo preoccupata per come si veste, per comce comportarsi con l’altro affinché riceva indietro interesse; la spontaneità è morta , è tutto un gran teatrino,l’umanità sta pian piano morendo e chi se ne è reso conto soffre più di tutti; l’amore non si trova più, è tutto un dare per ricevere. Per questo siamo schiavi, grandi schiavi che si credono grandi, chi ci governa fa bene a bastonarci e trattarci male, perché alla fine è ciò che desideriamo fare anche noi agli altri! Tutti vogliamo potere, tutti siamo giudici, troppo occupati per pensare a cosa ci sia davvero dietro a quello che viviamo ogni giorno. Al giorno d’oggi non vince ne chi ama ne chi riflette.

Claudio

mi ricordi Sant’Agostino: “ama e fai ciò che vuoi!” Riscoprire la ta una dimensione di ciò che è giusto e saggio può essere la via per tornare a vivere in armonia e con il reciproco rispetto, senza timore che unj fratello ci ferisca, visto che è proprio il timore che ci rende schiavi.

“ama e fai ciò che vuoi!”

Claudio

quando parlo di meditazione parlo di una tecnica ed in quanto tale è laica e ben si presta a qualsiasi religione.

Quando parlo di un percorso di crescita intendo anche quelli spirituali: ovviamente trovo molto valido sia il cristianesimo che il buddismo

Altra cosa è quando questi valori spirituali assumono un assunto che porta a difendere con ogni mezzo la propria organizzazione a discapito dei valori che esse stesse promuovono.

Apprezzo molto questo Papa Francesco che cerca di dialogare con tutte le religioni e che dice che Gesù non è giudice ma il migliore avvocato

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *